Nata seduta

Consegna: Un ricordo d’infanzia, 3 cartelle 

IMG_0026

Sono nata seduta. Il 14 maggio del 1992, in un ospedale sull’isola Tiberina, mia madre si rassegnava al parto cesareo, perché nei nove mesi precedenti non avevo trovato la voglia di invertire la rotta verso l’uscita.

Sono nata seduta e sono rimasta seduta per quasi due anni. Mentre gli altri bambini si issavano aggrappandosi ai mobili di casa e muovevano i primi passi, io, seduta, mi facevo strada nel mondo strisciando sul sedere e remando sul pavimento con i talloni, come un granchio pigro. Amavo il parquet, odiavo i tappeti.

Poi, intorno al ventesimo mese di vita, mi sono arresa alle convenzioni: mi sono alzata e ho camminato. Non ero una campionessa, pare che fossi in grado di spostarmi solo su coordinate rette. Quando arrischiavo una curva, l’equilibrio mancava in un attimo e venivo trascinata per terra dal peso sproporzionato della testa. Mi facevo portare ai tappeti elastici e ci correvo sopra, senza mai staccare entrambi i piedi dalla superficie. Era ormai evidente a tutti in famiglia che il mio futuro non era nell’atletica. Continua a leggere “Nata seduta”